ArteInMovimento by Daniela Scarel

ArteInMovimento by Daniela Scarel
Leonardo da Vinci : " Non ingombrarti di cose che appartengono agli occhi, facendole passare dalle orecchie! Fai alle tue figure dei capelli che un vento invisibile sembri far danzare intorno ai loro volti giovanili; con grazia ornali di vari ricci, e non imitare coloro che con la colla danno a quei volti un'aria vetrificata. Io, Leonardo, un giorno conoscerò ogni cosa e saprò dominare tutte le arti che aprono all'uomo le vie dei grandi segreti dell'universo. L'uomo ha in sé le ossa che sostengono la sua carne; il mondo ha le pietre che sostengono la sua terra. L'uomo è il modello del mondo. Ogni parte di un insieme deve essere proporzionato all'insieme. Virtutem forma decorat: La bellezza orna la virtù. "

giovedì 25 agosto 2011

I Venti: Favonio e Groppo

Rappresentazione schematica della formazione del favonio

Il favonio (detto anche Föhn in tedesco [ˈføːn]) è un vento di caduta caldo e secco che si presenta quando una corrente d'aria, nel superare una catena montuosa, perde parte della propria umidità in precipitazioni (pioggia, neve o altro). Quando la corrente sale verso l'alto, infatti, l'aria si espande, si raffredda, dopodiché possono verificarsi due possibilità: se l'umidità in essa contenuta non viene persa (rimanendo sotto forma di semplice nuvola), l'aria, nel ricadere sul versante opposto si comprime e si riscalda tornando alle condizioni di partenza; ma se la condensazione del vapore acqueo sfocia in precipitazioni, non si ritorna alle condizioni dalle quali si è partiti e l'aria arriva a valle con una temperatura più alta di quella di partenza. A causa del calore latente emesso dalla condensazione dell'acqua, infatti, l'aria si raffredda piuttosto lentamente lungo la salita (secondo il gradiente adiabatico saturo, cioè di 6,5 °C ogni 1000 metri). L'aria poi supera la cresta, scende verso il basso sul versante opposto sottovento e si scalda per effetto della compressione adiabatica (secondo il gradiente adiabatico secco, questa volta di circa 10 °C ogni 1000 m), diventando calda e secca e causando giornate soleggiate. Per l'esattezza il riscaldamento in gradi rispetto alla temperatura di partenza, è dato dalla differenza di quota (in migliaia di metri) dalla base delle nubi nel lato sopravento alla cresta, moltiplicato per 5, quindi se l'aria parte dalla pianura a 5 °C, salendo a 1000 m si condensa (a −5 °C) a 3000 m supera la cresta (a −15 °C) e raggiunge la pianura al livello del mare dall'altro lato a 15 °C (2000 m per 5 gradi + 5 °C di partenza). Inoltre a causa della rapidità con cui il vento raggiunge la pianura, spesso si verifica anche un aumento di pressione che aumenta ulteriormente la temperatura.

da Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Favonio

Favonio sopra Ginevra (Svizzera)


Il favonio può causare un aumento delle temperature anche di 30 °C in poche ore. Per questo motivo è detto anche "mangianeve", perché fa fondere rapidamente la neve a causa dell'effetto congiunto dell'innalzamento termico e della bassa umidità.
Il nome favonio si riferisce in realtà solamente al vento caldo e secco discendente. Dal versante sopravento si ha lo Stau, un vento umido ascendente che porta pioggia, neve e nubi.

da Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Favonio


Groppo

In meteorologia, con il termine groppo dei venti o, semplicemente, groppo si indica un incremento violento e veloce della velocità media del vento che è associato di solito a tempo perturbato come rovesci di pioggia, temporali o bufere di neve. Un groppo può durare parecchi minuti e comprendere molte raffiche, brevi incrementi della forza del vento della durata di pochi secondi.
I groppi si formano in genere con un colpo di vento improvviso lungo le superfici di discontinuità che si creano tra masse d’aria differenti per provenienza e temperatura e procedono secondo una linea, estesa anche per centinaia di chilometri, detta linea dei groppi (o linea dei temporali ciclonici).
Generalmente i groppi sono seguiti da forti precipitazioni; esistono tuttavia i cosiddetti groppi bianchi che si verificano in condizione di tempo stabile e vengono spesso preceduti da piccole nuvole bianche che salgono velocemente.

da Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Groppo